ACINI CAL...PESTATI










Autori: Acino_Camilla e Acino_Linda

I grappoli ad un tratto furono oscurati da un ‘ombra, poi si accorsero che il contadino era arrivato.
Di li a poco i filari furono pieni di persone armate forbici, secchi e… tanta energia.
Un taglio deciso e…ZAC…,un grappolo finì a cavalcioni su un imbuto seminando acini dappertutto.
-Ehi, villano, cosa pensi di fare ?- urlò un acino grassoccio, ma ecco che anche quei pecoroni suoi vicini vi “andarono dietro” e gridarono: - Sì, proprio così, cosa vuoi fare?!?-
Ma neanche il tempo di qualche altro lamento che finirono…raspi all’aria e una pioggia di chicchi cadde rovinosamente a terra.
Incominciarono a rotolare…
-Spostati, così mi rovini!-
-Non ce la faccio!-
-Ehi dai, sbrigati, fai spostare quello davanti a te!-
e gli arrivò un calcione nel “sedere”.
Un altro grappolo cadde con un grande tonfo
-Bonf!-
Urtato dalla testa pelata di un vendemmiatore.
I chicchi rotolarono a terra e dopo un metro si accorsero d’essere marroncini: sembravano escrementi di capra.
Uno scarpone lasciò l’ impronta sulla loro faccia
-SPLAC,SPLEC,SPLAC,SPLEC .
-E... mosto dappertutto!
Ecco che mani inesperte e molto, ma molto, ma molto veloci scuotevano i poveri grappoletti come maracas.
Uno di essi,tagliato,rimbalzò su un filo di ferro e poi , come una molla, fu catapultato a terra frantumandosi
-STON-.
Acini ovunque!
Sembrava di essere in guerra.
-Oh! Ecco una coppia che fa i tuffi nel mare….. di terra!- esclamò un chicco divertito! Ai piccoli pareva di guardare un film.
Intanto il sole riscaldava continuamente i frutti tanto che, se il contadino si fermava troppo tempo sotto la vite, si trovava ricoperto di gelatina d’uva.
I chicchi caduti, sul terreno nel frattempo facevano a gara: un acino era davanti, ma ecco che un’ altro lo sorpassò ….. un terzo li raggiunse, superandoli come un razzo…. Altri piedi calpestarono gli acini e qualcuno finì a gambe all’aria.
Il terreno era così viscido e scivoloso che sembrava di essere in un campo di ghiaccio; lì fu la loro triste fine.


RITORNA ALL'INIZIO DEL RACCONTO